Vai ai contenuti

Menu principale:

Avvenimenti

Studio biblico a Imperia 2017
 
Il 2017 nella chiesa valdese di Imperia è stato inaugurato, in seno ai consueti incontri di studio biblico tenuti il venerdì pomeriggio dal past. Terino già da settembre 2016, dalla trattazione approfondita della Lettera di Paolo ai Romani. Quale modo migliore per celebrare i cinquecento anni della Riforma se non tornare ad fontes, alle radici del pensiero riformato?
 
Certo gli incontri di studio biblico tenuti dal Pastore non sono soltanto occasione per una accurata rilettura esegetica dei Testi Sacri, ma anche di confronto e di grande interesse pastorale, data la viva partecipazione di membri di chiesa, simpatizzanti, e persone appartenenti ad altre realtà confessionali. Tornare alla lettera ai Romani significa riportare all'attualità il tema della giustificazione per Grazia mediante la fede, e questo non può che giovare anche alla nostra spiritualità personale, spesso soffocata dal tanto frastuono che ci circonda e in cui volenti o nolenti ci troviamo immersi.
 
Speriamo di veder crescere ancora di più la partecipazione attiva a questi incontri, augurandoci nel contempo di approfondire nelle nostre vite il rapporto personale con le Sacre Scritture. Vittorio Secco

Lutero 500 anni dopo: Riforma o Rivoluzione?
Il nostro pastore è intervenuto alla fine della conferenza del prof.Roberto de Mattei, presentato dal vescovo cattolico Antonio Suetta, i quali, senza aver chiesto un parere o un contributo da parte valdese o luterana, si sono confrontati sul tema dei 500 anni dalla Riforma di Lutero ai Martedì Letterari del 31 gennaio nel Casinò di Sanremo.
Nel brevissimo tempo a disposizione e tra le domande del nutrito pubblico di giovani, il pastore ha delineato una prospettiva storica della Riforma, condivisa in parte dal sacerdote delegato per l'ecumenismo, Alvise Lanteri, in totale controtendenza rispetto all'esposizione rocambolesca di de Mattei. In sostanza, la Riforma - e non già la "rivoluzione" protestante - nasce da una esigenza pastorale, nel confessionale: come posso sapere di avere pace con Dio? Il motto della Riforma è stato: "liberare le coscienze e renderle certe per mezzo della fede". La Chiesa non mi può dare la certezza di essere giustificato di fronte a Dio, certezza che mi viene solo dalla promessa dell'Evangelo, che sovrasta e giudica la Chiesa. La Chiesa può solo annunciare la grazia, ma non può amministrarla o mediarla.
Per quanto riguarda l'autorità della "Sola Scrittura", nel fissare un canone la Chiesa stessa ha riconosciuto la norma normante delle Scritture rispetto alla norma normata di ogni tradizione successiva, subordinando la tradizione alle Scritture. Le Chiese valdesi e luterana del ponente ligure intendono aprire presto un dibattito ecumenico su questi temi con le comunità cattoliche e ortodosse sul territorio.
“Non siete più due, ma uno”
Andrea e Diana desiderano ringraziare la Chiesa Valdese per il sostegno e l'aiuto che hanno ricevuto durante i preparativi delle nozze e la celebrazione del loro matrimonio di sabato 25 febbraio, che è avvenuto nel Tempio di Bordighera, in un clima di festa gioiosa e solenne e in uno spirito di amicizia e comunione nella diversità. Nel Signore Gesù presente abbiamo sperimentato la gioia dell'unità. Il nostro pastore, valdese, ha celebrato la benedizione sul matrimonio degli sposi - lui, cattolico di Bordighera, e lei, ortodossa moldava (ma ormai anche italiana!) - affermando la bontà e la fedeltà di Dio, la sua volontà di benedire la coppia e di sostenerla sempre nell'adempimento quotidiano delle promesse.
La celebrazione è stata allietata da brani classici e inni suonati al nostro organo, arricchita dalla lettura di una preghiera e benedizione nella lingua della liturgia ortodossa moldava, e dalle letture bibliche fatte anche dagli sposi stessi. La Comunità valdese è anch'essa riconoscente per la franchezza e la bellezza di Diana e di Andrea, che insieme si sono impegnati in una alleanza di fedeltà davanti a Dio e alla sua Chiesa. La Comunità valdese augura loro ogni benedizione lungo questo cammino ecumenico, uniti in Cristo e a tutto il popolo di Dio. Che la luce di Cristo vi accompagni e rifulga da voi, cari Andrea e Diana, come un faro verso la società.
Un ringraziamento alla comunità cattolica di Cristo Re
Giovedì 2 febbraio la parrocchia cattolica di Cristo Re ha ospitato la Chiesa valdese di Imperia, che insieme ai familiari e ai molti amici, si è raccolta per il funerale del fratello Mario Rossetti, papà di Tommaso e di Rita, di professione pescatore, spentosi a quasi 91 anni. Durante la celebrazione di rito valdese, il nostro pastore ha annunciato ai molti presenti l'Evangelo della grazia e la promessa della resurrezione. "I protestanti sono fratelli separati da noi ma accomunati dallo stesso Vangelo”, ha dichiarato alla stampa il parroco che ci ha ospitati.

Torna ai contenuti | Torna al menu